Raspberry Pi 4: Installiamo Raspbian Buster su SSD – Prima Parte

Come installare Raspbian Buster Lite su un SSD collegato via usb3 al nostro nuovo Raspberry Pi 4

Raspbian Buster Lite su un SSD collegato via usb3 al nostro nuovo Raspberry Pi 4

Per chi non lo sapesse, il Raspberry Pi 4 è come un piccolo computer, pensato per consumare poco, e quindi adatto a rimanere acceso a lungo, o per lo meno fino a che la sd card Samsung MB-MC64GA/AMZ - EVO Plus Micro SDXC da 64 GB nel mio caso, lo permette.

Si chiama Raspberry Pi (raspberrypi.org) e se non hai mai sentito prima questo nome, vuol dire che probabilmente dell’argomento tecnologia e informatica forse non sei realmente appassionato.

Introduzione

Non è e non potrà mai sostituire il tuo PC di casa o il tuo laptop, ma potrà certamente farti da concentratore per la gestione della domotica, da server DNS con possibilità di oscurare le pubblicità invasive (e di questo ne parlerò in un prossimo articolo), da mediacenter, come torrent machine e chissà quanta altra roba ancora, tutto racchiuso nel palmo di una mano e con una spesa tutto sommato contenuta.

La versione più recente ( la 4 B) ha le seguenti caratteristiche:

  • Nuovo SoC: Broadcom BCM2711B0 quad-core A72 (ARMv8-A) 64-bit @ 1.5GHz
  • Nuova GPU: Broadcom VideoCore VI
  • Networking: 2.4 GHz e 5 GHz 802.11b/g/n/ac wireless LAN e Ethernet Gigabit full speed
  • RAM: 1GB, 2GB, o 4GB LPDDR4 SDRAM (rispettivamente 35$, 45$, 59$)
  • Bluetooth: Bluetooth 5.0, Bluetooth Low Energy (BLE)
  • GPIO: connettore saldato, 40-pin
  • Storage: microSD
  • Porte: 2 micro-HDMI 2.0 (doppia uscita video, 4k@30fps x 2), audio jack 3,5mm, 2 USB 2.0, 2 USB 3.0, Gigabit Ethernet, Camera Serial Interface (CSI), Display Serial Interface (DSI)
  • Dimensioni: 88 mm × 58 mm × 19.5 mm, 46 g

Le porte del nuovo Raspberry Pi 4

Cosa ti serve

Su Amazon troverai vari Starter Kit, ma per quanto mi riguarda ho preferito scegliere da me i singoli componenti. Per completare questo progetto saranno quindi necessari:

  • un Raspberry Pi 4, io ho preso la versione da 4 GB di ram, in modo da non avere problemi quando aggiungerò nuove funzioni.
  • Samsung MB-MC64GA/AMZ– EVO Plus Micro SDXC da 64 GB fino a 100 MB/s, scheda di memoria U3 classe 10 (incluso adattatore SD).
  • Case per Raspberry Pi 4, Case con 5V 3A USB-C Alimentatore, Ventola di Raffreddamento e 4 Dissipatori.
  • Cavo ad alta velocità da micro HDMI a HDMI normale, che nel mio caso è servito per monitorare eventuali errori od altro al boot del raspberry; se pensate di usare 2 monitor collegati al kit, acquistatene un paio di questi cavi (Un grazie a Davide che ha donato dalla wishlist questo prodotto).
  • un Case Esterno per Disco Rigido 2.5", USB 3.0 con UASP su cui installare il nostro ssd/hdd per poterlo poi collegare via USB 3.0 al kit.

A questa lista della spesa sarà necessario aggiungere una semplice tastiera usb e ovviamente un disco ssd/hdd da 2.5″ che ci servirà, per evitare che, i continui processi di lettura e scrittura riducano drasticamente la vita della nostra microSD card.

Da qui in poi, parto dal presupposto che tu abbia assemblato i componenti del kit.

Prima installazione

Inserisci la microSD nel tuo PC (se hai un MacBook va bene lo stesso, visto che i software necessari sono disponibili anche per gli altri sistemi operativi), quindi scarica l’immagine di Raspbian B che intendi utilizzare, io ho scelto quella lite (ossia quella più leggera, in quanto, per l’uso del terminale e della connessione e amministrazione via SSH è sufficiente): raspberrypi.org/downloads/raspbian (il collegamento diretto alla versione che ho utilizzato è questo).

Scarica ora il software gratuito balenaEtcher, ti permetterà di portare l’immagine di Raspbian su microSD e renderla avviabile, gli darai i pasto il file ZIP che hai scaricato qualche secondo fa. Non è necessario installarlo se usi Windows, puoi scaricare la versione portable (mentre su macOS sarà necessario installarla).

Avvialo, ti si presenterà davanti la sua schermata principale, tu dovrai solo indicargli dove prendere il file ZIP contenente il sistema operativo da portare su microSD, selezionare quest’ultima e poi fare clic su Flash, è una procedura estremamente semplice (devi solo portare la necessaria pazienza affinché termini l’operazione).

Una volta che il programma ti avrà confermato che le operazioni si sono concluse in modo positivo (vedi ultima immagine qui sopra), dovrai rimuovere e reinserire la microSD nel PC. Ora dopo aver chiuso balenaEtcher, dobbiamo abilitargli la possibilità di connetterci in SSH al Raspberry quando questo sarà in funzione.

Per farlo hai metodi diversi in base al tuo sistema operativo. Qui di seguito trovi la procedura sia per macOS che per Windows.

Abilitiamo SSH

  • Se hai macOS, apri un Terminale e spostati nella microSD (cd /Volumes/NomeScheda, aiutati con il tabulatore), quindi – una volta dentro – crea un file vuoto chiamato ssh (touch ssh). Rimuovi correttamente la microSD da macOS, inseriscila nel Raspberry.
  • Se hai Windows, apri un Prompt dei comandi e spostati nella microSD (verifica che lettera di unità è stata assegnata da Computer, quindi nel prompt digitala seguita dai due punti, esempio e:, premi invio), quindi – una volta dentro – crea un file vuoto chiamato ssh (echo ""> ssh). Rimuovi correttamente la microSD da Windows, inseriscila nel Raspberry.

 

Questa prima parte si conclude qui, nella prossima entreremo nel vivo dell’installazione sull’ ssd. Ho dovuto suddividere la procedura, in quanto è abbastanza lunga. Potete trovare la seconda parte dell’installazione cliccando qui.

Supporto al Blog!

Hai mai pensato di dare una mano alla sopravvivenza di questo progetto? Ti va di sostenere le mie attività? 🙂

Come avrete potuto notare, questo blog non ha alcun banner pubblicitario che possa sostenere almeno parzialmente i vari costi di gestione; Vi chiedo quindi una mano, attraverso una delle modalità a vostra scelta tra le seguenti:

E' possibile fare una donazione tramite un buono amazon, tramite gli acquisti su amazon o i riferimenti che trovate nei vari post presenti in questo blog, iscrivendovi ai vari servizi di Amazon (usando gli appositi link presenti in questa pagina o nel menù in alto del blog).

Se sceglierete questa modalità, vi chiediamo, senza alcun costo in più per voi, prima di fare i vostri soliti acquisti, di cliccare sull' immagine qui sotto (o nei link amazon presenti in questa pagina oppure nel menu in alto del blog) e poi, una volta caricato il sito di Amazon, potrete aggiungere al vostro carrello tutti gli oggetti che volete acquistare in quel momento e di procedere subito dopo alla conclusione dell'ordine e relativo pagamento.

Come già detto poco fa a voi non costerà nulla di più, ma Amazon ci riconoscerà una piccola percentuale sui vostri acquisti, in questo modo mi aiuterete a coprire almeno in parte i vari costi. Grazie.

Iscrivendoti a Revolut dopo aver cliccato sull' immagine qui di seguito, riceveremo entrambi 11 euro; Ti basterà aggiungere un piccolo importo al conto tramite un semplice bonifico oppure con un'altra carta di credito/debito a tua disposizione; Ti basterà verificare la tua identità (norme antiriciclaggio) ed ordinare gratuitamente la carta fisica Revolut. Dopo il tuo primo acquisto (anche di 1 solo centesimo) otterai gli 11 euro previsti da questa promozione; ma ricorda questa promozione scade il 3/11/2019.
Revolut Free


Puoi supportare il blog tramite una donazione con payoneer, inviando l'importo alla seguente mail: contatti . mdb @ gmail .com (togli di spazi per usare la mail)



Tieni presente che payoneer non consente l'invio di importi inferiori a 50 euro (o valuta equivalente).
Puoi aiutarmi anche donando dei Litecoin (LTC) inviandoli al seguente Indirizzo:
LSbny7tR414FQ6sW7mfT4nk9Gupd5QuSZL

Puoi donare se vuoi anche dei Bitcoin Core (BTC) inviandoli al seguente Indirizzo:
37zvbGJ562acg2UjfdeYffycV68sZqfBsL
Puoi dare una mano anche regalandomi uno o più prodotti della mia wishlist Amazon, non lo ha ancora fatto nessuno, Tu potresti essere il primo!.

Sicuramente conoscete Amazon o i suoi suoi servizi come Amazon Prime, Prime video, Amazon Music unlimited, Kindle unlimited e se avete la partita iva esiste anche Amazon Business ,Se volete conoscere più a fondo o provare gratuitamente questi servizi per 30 giorni vi basterà cliccare sui rispettivi link.

For UK users:


You certainly know Amazon or its services like Amazon Prime, Prime video, Amazon Music unlimited, Kindle unlimited, Amazon audible, Fire for Kids unlimited, amazon fresh, Amazon Channels and if you have the VAT number, there is also Amazon Business. If you want to learn more or try these services for 30 days for free, just click on the respective links.

Pour les utilisateurs de FR:


Vous connaissez certainement Amazon ou ses services comme Amazon Prime, Prime video, Amazon Music unlimited, Kindle unlimited, Amazon audible (Si vous avez le premier cliquez ici),Liste de mariage Amazon et si vous avez le numéro de TVA, il y a aussi Amazon Affaires. Si vous souhaitez en savoir plus ou essayer gratuitement ces services pendant 30 jours, il vous suffit de cliquer sur les liens correspondants.

Para usuarios de ES/PT:


Ciertamente conoce Amazon o sus servicios como Amazon Prime, Prime videos, Amazon Music ilimitado, Kindle unlimited, Lista de bodas de Amazon. Si tiene el número de IVA, también existe Amazon Business.Si desea obtener más información o probar estos servicios durante 30 días de forma gratuita, simplemente haga clic en los enlaces correspondientes.

Für DE-Benutzer:


Sie kennen Amazon oder seine Dienste wie Amazon Prime, Prime Video, Amazon Music unlimited, Kindle unlimited, Amazon audible, Fire for Kids unlimited, Amazon fresh, Amazon Channels und wenn Sie die Umsatzsteuer-Identifikationsnummer haben, gibt es auch Amazon Business. Wenn Sie mehr erfahren möchten oder diese Dienste 30 Tage lang kostenlos testen möchten, klicken Sie einfach auf die entsprechenden Links.

About Michele Dal Bosco

Chi sono! Mi chiamo Michele, da sempre ho la passione per internet, PC, reti, mobile network, ect. Dal 2010 ho aperto questo blog su cui scrivo i miei post. Dal 2009 non ho più un lavoro, quindi se per caso mi vuoi dare una mano concreta prosegui la lettura.Il mio blog non va avanti a costo zero: le spese sono tante, per questo il vostro contributo è fondamentale e farà la differenza tra un’informazione di qualità oppure la chiusura definitiva.Procurarti le informazioni che ti servono è la mia passione. Aiutami a farlo con una semplice donazione!. Grazie

Lascia un commento